- Spedizioni in Italia con GLS in 3-5 giorni / Shipping 9,90 €-

Celebriamo il giorno dell'ambiente del mondo


Il 5 giugno è celebrato il giorno dell'ambiente mondiale. Ovviamente, ogni giorno dell'anno sono i "giorni dell'ambiente", poiché è la nostra casa e la nostra origine, ma dal 1974 le Nazioni Unite hanno stabilito tale data per enfatizzare la necessità di combinare gli sforzi tra cittadini, governi e aziende per garantire il Conservazione dell'ambiente.
Il tema della celebrazione di quest'anno è il restauro degli ecosistemi e, da oggi, è inaugurato il decennio del restauro ecologico, che è anche un'iniziativa delle Nazioni Unite. Ma ... che cos'è esattamente questo?
Ripristina un ecosistema è riparare il danno causato da un disturbo umano. Il restauro ecologico è un'ampia disciplina che non copre semplicemente la riparazione dei danni violati rispetto ai nostri ecosistemi, sostengono anche un rallentamento e una prevenzione della trasformazione degli ecosistemi a causa dell'attività umana.
Dal momento che gli umani smettiamo di essere "cacciatori e collezionisti" e abbiamo stabilito società sedentarie, il nostro impatto sull'ambiente naturale si è diffuso in tutto il pianeta. Da allora, per garantire il nostro sostentamento, abbiamo tagliato le foreste, distruggiamo le macchine e prati per stabilire campi agricoli e pascoli di bestiame; Per fornirci rifugio, abbiamo portato le montagne per estrarre materiali da costruzione; Per garantire il nostro alimentatore, estraggiamo materiali dalla Terra e distruggiamo vaste estensioni della terra naturale, e quindi con molte altre azioni. Il nostro impatto sulla terra è così profondo che abbiamo persino costretto la transizione a un nuovo periodo geologico. Fortunatamente, in parallelo a questa profonda trasformazione, abbiamo accumulato abbastanza conoscenza per invertirlo, almeno in parte.
Questa guarigione richiederà politiche e azioni complesse, implementate a medio e lungo termine e mira a recuperare la salute dei nostri ecosistemi. Questo processo non consiste solo nel recuperare le specie di piante e animali che vivrebbero, ma coinvolgono anche il recupero delle interazioni tra loro, il suolo, il suo microbioma e le sue funzioni, come il riciclaggio di acqua dolce o la protezione contro l'espansione delle malattie, E queste funzioni sono così vitale per la sopravvivenza degli ecosistemi come il nostro.
Non rimaniamo al superficiale, il restauro di un ecosistema è un processo complesso, che va ben oltre la semina di alberi. Come consumatori abbiamo in mano la possibilità di promuovere una produzione veramente sostenibile, ad esempio, esigenti aziende che producono prodotti di origine naturale che, nello stesso modo in cui ci informano dell'origine delle loro materie prime, condividono anche le informazioni relativo ai piani di restauro forniti alla cessazione dello sfruttamento.
Dieci anni fa, i consumatori hanno appena preoccupato per l'origine delle materie prime dei nostri acquisti; Al giorno d'oggi, questa è una pratica abituale. Speriamo che, alla fine di questo decennio di restauro, i consumatori hanno anche accesso a informazioni dettagliate sul processo di restauro ecologico che verrà effettuato in seguito.
Il decennio che abbiamo inaugurato nel 2021 è un'opportunità per rallentare, rallentare e invertire la distruzione degli ecosistemi naturali. È nella nostra mano, come cittadini e consumatori, prodotti e politiche della domanda che sono veramente rispettosi della conservazione degli ecosistemi.
 
Teresa Gimeno, esperto in ecologia e ricercatore di BC3 - Centro Baschi per i cambiamenti climatici